La trappola

di Alessandro Visalli

La sinistra ha perso la battaglia politica per continuare ad avere una base di massa. Questa sconfitta storica è maturata, anche se su radici antiche, in questi ultimi dieci anni e si è manifestata il 4 marzo.

La ristrutturazione dell’intero assetto mondiale del capitalismo, avviata nel 2008, ha portato per ora a concentrare ancora più tutta la ricchezza in pochissime mani. L’emergere di nuove tecnologie di disintermediazione, e di piattaforme fondate su inedite forme di lavoro debole, rivolte non solo ai tradizionali segmenti di classe ma estesi a forme di lavoro cognitivo e relazionale, ha creato un enorme vuoto nel centro della società ed ha destabilizzato tutte le basi di consenso.

Continua la lettura di “La trappola”

Su austerità e precarietà Documento della consulta economica per il Congresso FIOM-CGIL 2018

di Riccardo Realfonzo

Sotto-investimenti, deindustrializzazione e bassa competitività del Mezzogiorno e del Paese. Una vertenza per una nuova stagione di politiche industriali. Riccardo Realfonzo interviene come coordinatore della consulta economica della FIOM al Congresso della FIOM-CGIL tenutosi a Riccione dal 12 al 15 dicembre 2018. L’analisi mostra quale sia stato il drammatico sottofinanziamento delle politiche industriali nel decennio successivo alla crisi scoppiata nel 2008 ed anche gli effetti negativi delle politiche di deflazione salariale. Occorrerebbe una svolta di politiche industriali e del lavoro che è assente nella nuova manovra del governo in carica.

Continua la lettura di “Su austerità e precarietà Documento della consulta economica per il Congresso FIOM-CGIL 2018”

In morte del servizio sanitario nazionale

di Ivan Cavicchi

MUORE COSÌ, nel quarantennale della sua nascita, il servizio sanitario nazionale. Con esso muore: la solidarietà tra le persone, quella che finanzia attraverso il fisco in modo giusto i bisogni di salute dei poveri e dei ricchi, l’universalità cioè la persona…”

Salute. Gli esiti devastanti del regionalismo differenziato chiesto dal Veneto, dalla Lombardia e dall’Emilia Romagna. Cioè dalla lega e dal Pd

Il M5s, attraverso il suo ministro della salute, Giulia Grillo, ha accettato, sulla sanità, senza condizioni, il regionalismo differenziato chiesto dal Veneto dalla Lombardia dall’Emilia Romagna. Cioè dalla lega e dal Pd.

Continua la lettura di “In morte del servizio sanitario nazionale”

Le lancette dell’orologio si avvicinano all’ora del non ritorno!!!!!

L’arte della guerra – Italia e Ue votano per i missili Usa in Europa – di MANLIO DINUCCI

Presso il Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite, a New York, c’è una scultura metallica intitolata «il Bene sconfigge il Male», raffigurante San Giorgio che trafigge un drago con la sua lancia. Fu donata dall’Unione sovietica nel 1990 per celebrare il Trattato Inf stipulato con gli Stati uniti nel 1987, che eliminava i missili nucleari a gittata corta e intermedia (tra 500 e 5500 km) con base a terra. Il corpo del drago è infatti realizzato, simbolicamente, con pezzi di missili balistici statunitensi Pershing-2 (prima schierati in Germania Occidentale) e SS-20 sovietici (prima schierati in Urss).

Continua la lettura di “Le lancette dell’orologio si avvicinano all’ora del non ritorno!!!!!”

Qualità della vita, la Liguria in affanno Imperia resta indietro

Sempre fanalino di coda regionale. Genova e La Spezia arretrano nella classifica nazionale. Migliora Savona.

Matteo Dell’Antico Anche per i più ottimisti, in questo caso, vedere il bicchiere mezzo pieno pare quasi un miraggio. La qualità della vita in Liguria è peggiorata nella maggior parte del territorio regionale. Il capoluogo ligure, nell’indagine condotta a livello nazionale dal Sole 24 Ore, viene fotografato come una provincia anziana, a rischio dissesto e soprattutto insicura.

La provincia di Genova si piazza al 56esimo posto della classifica generale guidata da Milano su 107 province italiane, perdendo otto posizioni rispetto al 2017.

Continua la lettura di “Qualità della vita, la Liguria in affanno Imperia resta indietro”