Categoria: Internazionale

Piani veri negli USA per ordigno fine di mondo

Rivelazione eclatante spunta dagli archivi della National security: nel ’64 il presidente Johnson valutò come e se sferrare un attacco nucleare preventivo alle «potenze comuniste» Urss e Cina  di YURIICOLOMBO

Durante l’amministrazione di Lyndon Johnson, nel 1964, vennero elaborati dal Pentagono delle ipotesi di attacco preventivo alla Russia e agli altri Paesi del «mondo socialista ». È quanto emerge dai documenti recentemente declassificati dal National Security Archive americano. Gli attacchi sarebbero dovuti scattare in caso di percezione di pericolo di attacco da parte sovietica o cinese.

Continua la lettura di “Piani veri negli USA per ordigno fine di mondo”

Il Venerdì di Repubblica intervista Emiliano Brancaccio

a cura di Roberto Brunelli

Povero euro, da emblema di un futuro radioso per le sorti progressive del Vecchio continente a totem, per populisti e affini, di ogni stortura economica possibile: il passo è stato veramente breve. Tanto che pure l’Italexit si affaccia sempre più spesso nel dibattito pubblico nostrano, dai vari piani B alla Paolo Savona ai rumorosi slogan gialloverdi passando, per contrasto, agli allarmi di premi Nobel come Joseph Stiglitz. Ma non è solo la nuova destra a scuotere il totem della moneta unica: in effetti anche a sinistra il dibattito sul destino dell’euro si è aperto una breccia.

Continua la lettura di “Il Venerdì di Repubblica intervista Emiliano Brancaccio”

Nell’interesse dell’Italia, sostegno trasversale al Progetto Savona

di Stefano Fassina

Nei giorni scorsi, il ministro per gli Affari europei Paolo Savona ha inviato ai governi dell’Unione e alla Commissione europea un progetto già dal titolo opportunamente ambizioso: “Una politeia per un’Europa diversa, più forte e più equa“. Il riferimento, come indicato nella premessa, a “una politeia, invece della consueta governance,  esprime una politica per il raggiungimento del bene comune, mentre la seconda – mutuata dalle discipline di management – indica le regole di gestione delle risorse”.

Il progetto di Savona è un testo politico, nonostante il rigore tecnico da tempo inusuale nel discorso pubblico.

Continua la lettura di “Nell’interesse dell’Italia, sostegno trasversale al Progetto Savona”

Guerra e crisi sistemica Conto alla rovescia per il false flag di Idlib?

di Piotr (da sinistrainrete)

Parrebbe di sì. Ecco il perché:

1) Le minacce degli USA stanno crescendo di giorno in giorno. Idlib non deve essere toccata. Ieri c’è stato l’attacco israeliano e francese contro le postazioni siriane durante il quale è stato abbattuto il ricognitore russo.

2) La portaerei Truman, il gioiello della marina imperiale, è ritornata nel Mediterraneo col suo gruppo d’attacco.

Continua la lettura di “Guerra e crisi sistemica Conto alla rovescia per il false flag di Idlib?”

Non è vero che non esiste più la classe operaia. E i comunisti dovrebbero gridarlo senza timore

Behemoth, ascesa (e trionfo) della grande fabbrica di Fabrizio Tonello

Tutto ciò che ci circonda viene da una fabbrica: la tazza che teniamo in mano, la caffettiera in cui abbiamo fatto il caffè, il pacchetto della nostra miscela preferita. Siamo seduti su una sedia di fabbrica, a un tavolo di fabbrica, mangiamo lo yogurt proveniente da una fabbrica di Vipiteno, con un cucchiaino prodotto in una fabbrica polacca, mentre guardiamo il nostro iPhone, ovviamente prodotto da una fabbrica della Foxconn, in Cina.

Continua la lettura di “Non è vero che non esiste più la classe operaia. E i comunisti dovrebbero gridarlo senza timore”

L’arte della guerra

di Manlio Minucci (il Manifesto 11-09-2018)

L’8 agosto ha fatto scalo nel porto di Livorno la Liberty Passion(Passione per la Libertà)e il 2 settembre la Liberty Proise(Promessa di Libertà) che saranno seguite il 9 ottobre dalla Liberty Pride( Orgoglio di Libertà) Le tre navi ritorneranno quindi a Livorno in successione il 10 novembre il 15 dicembre e il 12 gennaio. Sono enormi navi Ro/Ro lunghe 200 metri e con 12 ponti capaci ciascuna di trasportare 6.500 automobili. Non trasportano però automobili ma carri-armati.

Continua la lettura di “L’arte della guerra”