Categoria: Internazionale

Trump rottama la pace

di Tommaso Di Franceso

Alla faccia della rottamazione. Il presidente degli Stati uniti Donald Trump, tra un viaggio elettorale e l’altro in vista del voto di midterm, ha «semplicemente» annunciato che gli Stati uniti potrebbero ritirarsi non da un accordo vintage qualsiasi, ma da quello che probabilmente è il più importante e decisivo trattato mai sottoscritto nel dopoguerra: quello firmato nel 1987 dal presidente dell’Unione sovietica Michail Gorbaciov e dal presidente americano Ronald Reagan, che pose fine di fatto alla guerra fredda – l’accordo portò alla distruzione di 2.692 missili, 846 americani e 1846 russi -, avviando così il disgelo tra Est e Ovest (i sommovimenti del 1989 si mossero, solo in parte, anche su quella scia).

Continua la lettura di “Trump rottama la pace”

La Casa Bianca prepara il ritorno degli euromissili

IL TRATTATO E LA MESSA IN DISCUSSIONE DA PARTE DI «THE DONALD»

di MANLIO DINUCCI

L’annuncio che «Trump rottama lo storico trattato nucleare con Mosca» – il Trattato sulle forze nucleari intermedie (Inf) – non era inatteso. Ora però è ufficiale. Per capire la portata di tale atto, va ricordato il contesto storico da cui nacque il Trattato. Esso venne firmato a Washington, l’8 dicembre 1987, dal presidente degli Usa Ronald Reagan e dal presidente dell’Urss Michail Gorbaciov, accordatisi l’anno prima al vertice di Reykjavik. In base ad esso gli Stati uniti si impegnavano a eliminare gli «euromissili»: i missili balistici Pershing 2, schierati in Germania Occidentale, e i missili da crociera lanciati da terra, schierati in Gran Bretagna, Italia, Germania Occidentale, Belgio e Olanda; l’Unione Sovietica si impegnava a eliminare i missili balistici SS-20, schierati sul proprio territorio.

Continua la lettura di “La Casa Bianca prepara il ritorno degli euromissili”

L’arte della guerra – Oltre alle bombe, missili nucleari Usa in Italia?

di Manlio Dinucci

La B61-12, la nuova bomba nucleare Usa che sostituisce la B-61 schierata in Italia e altri paesi europei, comincerà ad essere prodotta tra meno di un anno. Lo annuncia ufficialmente la National Nuclear Security Administration (NNSA). Essa informa che, conclusasi con successo la revisione del progetto finale, questo mese cominciano al Pantex  Plant in Texas le attività di qualificazione della produzione, la quale sarà autorizzata a iniziare nel settembre 2019. Nel marzo 2020 entrerà in funzione la prima unità di produzione, ossia comincerà la produzione in serie di 500 bombe.

Continua la lettura di “L’arte della guerra – Oltre alle bombe, missili nucleari Usa in Italia?”

Rapporto del Consiglio d’Europa «In Lettonia discriminata la minoranza russa»

di YURII COLOMBO

In Lettonia esiste un’emergenza democratica legata al disconoscimento dei diritti etnico-linguistici, umani e sociali della minoranza russa. È quanto emerge dal rapporto sulla Lettonia di 56 pagine del Consiglio d’Europa – organo che promuove democrazia e diritti umani – reso pubblico ieri e secondo il quale «la società lettone continua a incontrare difficoltà associate alle conseguenze delle divisioni del passato, in particolare tra i principali gruppi nazionali – la maggioranza lettone e la minoranza russa – che esprimono diverse visioni geopolitiche e caratteristiche dell’identità culturale» sottolineando che l’isolamento, imposto dalla maggioranza lettone alla minoranza russa non favorisce «la creazione di dinamiche positive».

Continua la lettura di “Rapporto del Consiglio d’Europa «In Lettonia discriminata la minoranza russa»”

L’arte della guerra L’esercito di insetti del Pentagono

di Manlio Dinucci

Sciami di insetti, che trasportano virus infettivi geneticamente modificati, attaccano le colture di un paese distruggendo la sua produzione alimentare: non è uno scenario da fantascienza,ma quanto sta preparando l’Agenzia del Pentagono per i progetti di ricerca scientifica avanzata (Darpa). Lo rivelano su Science, una delle più prestigiose riviste scientifiche, cinque scienziati di due università tedesche e di una francese.

Continua la lettura di “L’arte della guerra L’esercito di insetti del Pentagono”

Immigrazione e questione sociale

di Alessandro Visalli

L’immigrazione è il problema davanti al quale il pluridecennale progetto di unificazione del mercato e, in misura selettiva e minore delle istituzioni europee, rischia di fermarsi e di fare passi indietro che potrebbero, se non razionalmente gestiti e politicamente digeriti, essere rovinosi.

Si tratta di un tema sul quale siamo tornati più volte, ma la cui grande complessità mette in gioco costantemente, come se si allargassero dei cerchi nell’acqua, sfondi sempre più larghi e comprensivi.

Continua la lettura di “Immigrazione e questione sociale”