Categoria: Internazionale

Non è vero che non esiste più la classe operaia. E i comunisti dovrebbero gridarlo senza timore.

Behemoth, ascesa (e trionfo) della grande fabbrica di Fabrizio Tonello

Tutto ciò che ci circonda viene da una fabbrica: la tazza che teniamo in mano, la caffettiera in cui abbiamo fatto il caffè, il pacchetto della nostra miscela preferita. Siamo seduti su una sedia di fabbrica, a un tavolo di fabbrica, mangiamo lo yogurt proveniente da una fabbrica di Vipiteno, con un cucchiaino prodotto in una fabbrica polacca, mentre guardiamo il nostro iPhone, ovviamente prodotto da una fabbrica della Foxconn, in Cina. È quindi lievemente paradossale il fatto che si parli di economia “digitale”, o “virtuale” o della “conoscenza” quando anche il souvenir artigianale che abbiamo comprato a Murano viene, in realtà, da una fabbrica, magari di Hong Kong.

Oggi, solo l’8% dei lavoratori americani lavora nell’industria, un terzo rispetto al 24% nel 1960, ma a livello mondiale siamo nel momento di massima espansione della produzione industriale, come ci ricorda Joshua Freeman nel suo massiccio Behemoth: A History of the Factory and the Making of the Modern World. Secondo i dati compilati dalla International Labor Organization, nel mondo quasi un terzo della forza lavoro globale lavora nell’industria, in Cina il 43%. I lavoratori americani hanno visto scomparire i loro posti di lavoro in Ohio, Pennsylvania e Michigan ma in compenso possono andare da Wal-Mart a comprare sedie da giardino per 1 dollaro, prodotte in Cina o Vietnam. Continua la lettura di “Non è vero che non esiste più la classe operaia. E i comunisti dovrebbero gridarlo senza timore.”

L’arte della guerra

di Manlio Minucci (il Manifesto 11-09-2018)

L’8 agosto ha fatto scalo nel porto di Livorno la Liberty Passion(Passione per la Libertà)e il 2 settembre la Liberty Proise(Promessa di Libertà) che saranno seguite il 9 ottobre dalla Liberty Pride( Orgoglio di Libertà) Le tre navi ritorneranno quindi a Livorno in successione il 10 novembre il 15 dicembre e il 12 gennaio. Sono enormi navi Ro/Ro lunghe 200 metri e con 12 ponti capaci ciascuna di trasportare 6.500 automobili. Non trasportano però automobili ma carri-armati.

Continua la lettura di “L’arte della guerra”

La guerra in Siria e l’informazione deformata dei media occidentali

Intervista al Vicario Apostolico di Aleppo Mons. Georgese Abous-Khazen a proposito di Avvenire: «Purtroppo non è la prima volta che il giornale dei vescovi italiani pubblica delle notizie contrarie alla verità e alla situazione che la Siria vive».

Dopo aver ascoltato Suor Yole Girges, sulla questione siriana, la “fonte” a cui si era appoggiata la giornalista di “Avvenire”, che poi tornata in Italia ha cambiato completamente registro e versione dei fatti continuando in questo modo ad alimentare le fake news e la confusione su una questione molto delicata; abbiamo contattato Sua Eccellenza Mons. Georgese Abous-Khazen, Vicario Apostolico di Aleppo, testimone privilegiato dei tragici eventi che in Siria hanno segnato la guerra contro il terrorismo.

Continua la lettura di “La guerra in Siria e l’informazione deformata dei media occidentali”

Economicismo o dialettica? Un approccio marxista alla questione europea

di Emiliano Alessandroni

[Con questo saggio di Emiliano Alessandroni, “Marxismo Oggi” intende aprire una discussione approfondita sulla questione europea, e più in generale sulle contraddizioni e i problemi dell’attuale quadro internazionale; una discussione complessa su temi complessi, che dunque intendiamo affrontare evitando semplificazioni e schematismi, in uno spirito di confronto e ricerca critica, utilizzando il metodo scientifico di analisi proprio del marxismo].

Continua la lettura di “Economicismo o dialettica? Un approccio marxista alla questione europea”

L’arma del debito pubblico Usa contro i dazi di Trump  (di Remocontro)

Contro l’America della prepotenza, i triliardi cinesi e russi e turchi di titoli stato Usa.

  • Avvio delle vendite. Dopo Cina e Russia, a rifuggire le obbligazioni di stato Usa è la Turchia.
  • Vendono anche il Messico, India e Taiwan. Giappone ha ridotto al minimo i propri investimenti

Cina, Russia, Turchia

L’arma del debito pubblico Usa. La Russia non minaccia ma vende, prima che diventi per lei troppo costoso farlo.

Continua la lettura di “L’arma del debito pubblico Usa contro i dazi di Trump  (di Remocontro)”

Il capitalismo si è storicamente sviluppato sulla base della libertà degli scambi

Il capitalismo si è storicamente sviluppato sulla base della libertà degli scambi; tale processo si configura oggi, oltreché come libera circolazione delle merci, anche e soprattutto come libera circolazione dei capitali con relativo processo di internazionalizzazione della produzione e di sviluppo delle imprese multinazionali, mentre rimane esclusa la libera circolazione delle persone.

La mondializzazione del capitale, mentre comporta un notevole sviluppo delle forze produttive, alimenta una divisione imperialista del lavoro su base gerarchica dal centro alla periferia e generalizza la dipendenza del resto del mondo nei confronti del capitale monopolistico centrale.

Continua la lettura di “Il capitalismo si è storicamente sviluppato sulla base della libertà degli scambi”