Categoria: Internazionale

Il capitalismo si è storicamente sviluppato sulla base della libertà degli scambi

Il capitalismo si è storicamente sviluppato sulla base della libertà degli scambi; tale processo si configura oggi, oltreché come libera circolazione delle merci, anche e soprattutto come libera circolazione dei capitali con relativo processo di internazionalizzazione della produzione e di sviluppo delle imprese multinazionali, mentre rimane esclusa la libera circolazione delle persone.

La mondializzazione del capitale, mentre comporta un notevole sviluppo delle forze produttive, alimenta una divisione imperialista del lavoro su base gerarchica dal centro alla periferia e generalizza la dipendenza del resto del mondo nei confronti del capitale monopolistico centrale.

Continua la lettura di “Il capitalismo si è storicamente sviluppato sulla base della libertà degli scambi”

A tutte le forze di sinistra e progressiste in Europa: Creare l’unità per sconfiggere la politica neoliberista!

La sinistra e altre forze progressiste dell’Europa conoscono la loro storia complicata, nelle sue parti positive come in quelle negative.

Poiché provengono da diversi paesi, con diverse nazionalità, anche la loro storia è diversa. Già questo non è facile. Queste differenze danno luogo anche ad approcci diversi, sia per quanto riguarda le proposte politiche che per quanto riguarda il come strutturarsi.

Non possiamo cambiare la nostra realtà, e non sarebbe nemmeno giusto provare a farlo.

Continua la lettura di “A tutte le forze di sinistra e progressiste in Europa: Creare l’unità per sconfiggere la politica neoliberista!”

L’irruzione della Rivoluzione russa nella storia Il bolscevico come nuovo tipo di rivoluzionario

di Paolo Cassetta

[E’ in edicola, in verità da qualche settimana, la pubblicazione degli atti del convegno che abbiamo organizzato lo scorso autunno al Csoa Intifada. Nel centenario della Rivoluzione tentare la strada del ricordo originale non era certo cosa semplice.

Continua la lettura di “L’irruzione della Rivoluzione russa nella storia Il bolscevico come nuovo tipo di rivoluzionario”

Global Firepower ha aggiornato la classifica degli eserciti più forti al mondo: testa a testa tra USA e Russia, Italia appena fuori dalla top ten

Aggiornata al 2018 la classifica di Global Firepower in merito alle armate più potenti al mondo. Un report che viene pubblicato dal 2006, tant’è che negli anni è diventato un vero e proprio punto di riferimento per gli appassionati.

Per questa indagine vengono presi in considerazione diversi fattori, quale ad esempio gli armamenti, la posizione geografica strategica, la popolazione complessiva e le risorse naturali.

Continua la lettura di “Global Firepower ha aggiornato la classifica degli eserciti più forti al mondo: testa a testa tra USA e Russia, Italia appena fuori dalla top ten”

Pacco bomba nucleare dagli Usa

di Manlio Dinucci

La nuova bomba nucleare B61-12 – che gli Usa si preparano a inviare in Italia, Germania, Belgio, Olanda e probabilmente in altri paesi europei – è ormai in fase finale di realizzazione.

Lo ha annunciato il generale Jack Weinstein, vice-capo di stato maggiore della U.S. Air Force, responsabile delle operazioni nucleari, intervenendo il 1° maggio a un simposio della Air Force Association a Washington di fronte a uno scelto uditorio di alti ufficiali e rappresentanti dell’industria bellica. «Il programma sta andando estremamente bene», ha sottolineato con soddisfazione il generale, specificando che «abbiamo già effettuato 26 test di ingegneristica, sviluppo e volo guidato della B61-12».

Continua la lettura di “Pacco bomba nucleare dagli Usa”

Il nostro Marx dopo duecento anni

di Paolo Favilli

I destini incrociati di Karl Marx La lunga stagione di una indagine teorica e di un pensiero che ha voluto essere rivoluzionario.

L’8 maggio 1968, in occasione del cento-cinquantenario della nascita di Marx, Raymonde Aron, sociologo liberale e critico di Marx (soprattutto dei marxismi), nell’ ambito della propria relazione al grande convegno parigino organizzato dall’Unesco, mise in evidenza «il contrasto tra le dure condizioni nelle quali visse l’esule a Londra, e il quadro grandioso e ufficiale in cui professori togati, venuti da tutte le università del mondo, si propone di intrattenere un dialogo cortese, dopo aver ricevuto la consegna di attenersi al contributo scientifico di Marx e di dimenticare il rivoluzionario – ma con l’intenzione (…) di non rispettare affatto questa consegna».

Continua la lettura di “Il nostro Marx dopo duecento anni”