Un’opinione espressa in due parole in occasione del bicentenario della nascita di Karl Marx

Ricorre il 5 maggio 2018 il bicentenario della nascita di Karl Marx, che fu all’incirca coetaneo di Mazzini e di Bakunin, di Garibaldi e di Darwin, di Dickens e Flaubert, di Tolstoj e Dostoevskij.

Visse perseguitato, in esilio e in poverta’, la maggior parte della sua vita, e tutta la dedico’ allo studio della societa’ e alla lotta contro l’ingiustizia, per la liberazione dell’umanita’ da ogni oppressione.

Scrisse col sodale di tutta una vita, Friedrich Engels, il migliore degli amici, il programma politico forse piu’ letto nella storia dell’umanita’, quel Manifesto del partito comunista che come l’Apologia di Socrate e il Discorso della Montagna ha nutrito la speranza e la lotta di liberazione d’innumerevoli esseri umani.

Uomo del XIX secolo, un tempo ormai assai lontano da noi – tanto veloci ed incommensurabili sono stati i mutamenti da allora -, la sua voce ancora ci parla e ci aiuta a capire noi stessi e il mondo, il nostro dolore e i nostri doveri, come quelle dei tragici greci, di Lucrezio, di Dante, di Cervantes, di Shakespeare, di Leopardi, di Virginia Woolf, di Simone Weil e di Hannah Arendt. Tutto l’essenziale del pensiero e dell’azione di chi si e’ battuto per la verita’ e la giustizia, di chi ha operato per il bene dell’umanita’, e’ ancora vivo e vivificante, a condizione che tu sappia rileggerlo ed interpretarlo, sentirlo ed agirlo criticamente e concretamente, con la mente, il cuore, il braccio.

Chi ha letto Marx, e non la delirante dogmatica inchiodatagli addosso da chi volle farne un grottesco feticcio assetato di sangue, e lo ha letto sapendo inserire quei testi nel contesto loro, quella vita nel suo tempo, quell’azione nel movimento di cui fu e volle essere parte, ne ha appreso alcune cose che non puoi piu’ dimenticare.
Che come te le altre persone esistono e soffrono, e nessuna persona e’ un’isola, e nessuna azione o omissione e’ indifferente; che la tua dignita’ e liberta’ e’ legata alla dignita’ e liberta’ altrui; che dal discernere il bene dal male deve scaturire l’azione buona; che oltre il livello meramente biologico la nostra vita si da’ sempre situata nella cultura e nella societa’, nella trama delle relazioni tra gli esseri umani, le complesse strutture da loro create, il mondo vivente di cui siamo parte; che esiste un’alternativa allo sfruttamento, alla violenza, alla distruzione dell’umanita’ e della natura, e questa alternativa e’ la solidarieta’ tra le persone oppresse che contro ogni menzogna e contro ogni oppressione si sollevano e costruiscono ad un tempo la condivisa comprensione del mondo, la condivisa responsabilita’ per il bene comune, la giustizia e la misericordia; che un modo di produzione e riproduzione sociale che deruba e schiavizza ed aliena gli esseri umani e avvelena e devasta e distrugge il mondo vivente non puo’ che portare l’umanita’ alla catastrofe; che chi prende coscienza di questa situazione ha il dovere di lottare affinche’ si realizzi quell’alternativa che ad ogni essere umano riconosce il diritto alla vita, alla dignita’, alla solidarieta’; ha il dovere di lottare per difendere dalla distruzione quest’unico mondo vivente di cui siamo parte, abitanti e custodi.

L’economia, che nell’etimo e’ la legge della casa comune, deve inverarsi nell’ecologia, che nell’etimo e’ la conoscenza e il discorso e quindi l’azione per il bene della casa comune e dei suoi abitanti tutti.
Lo smascheramento della strutturale iniquita’ e tendenziale catastroficita’ della macchina predatoria e divoratrice del capitale astratto in danno degli esseri umani e della natura, e la rivendicazione del primato dell’umanita’ e della biosfera di contro alla onnidistruttiva massimizzazione del profitto del meccanismo rapinatore, deve inverarsi nell’impegno comune affinche’ il bene ed i beni siano messi in comune, affinche’ da ogni persona sia dato alle altre in ragione delle sue capacita’, e ad ogni persona sia dato dalle altre in ragione dei suoi bisogni.
Il lavoro, perno della produzione e riproduzione sociale, chiave della relazione tra umanita’ e natura, deve cessare di essere patimento e schiavitu’, e divenire condivisa esperienza di verita’, di responsabilita’, di liberta’. Nella libera e generosa assunzione del proprio dovere per il bene comune, anche il lavoro piu’ umile e faticoso, se effettivamente necessario e condiviso da tutti, diviene pratica di umanizzazione.
Chiamiamo nonviolenza questa comprensione dell’unita’ del genere umano e del mondo vivente.
Chiamiamo nonviolenza questa personale e collettiva assunzione di responsabilita’.
Chiamiamo nonviolenza la lotta che ad ogni violenza si oppone.
Chiamiamo nonviolenza questa scelta di universale solidarieta’.
Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nell’impegno concreto e coerente per la liberazione dell’umanita’.
Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nell’impegno in difesa della vita, della dignita’ e dei diritti di tutti gli esseri umani.
Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nell’impegno in difesa di quest’unico mondo vivente.

Allego in calce a queste poche righe due brevi testi di Franco Fortini che sono per me parte integrante della trama di ragionamenti e di scelte che qui per cenni e di scorcio ho cercato ancora una volta di riassumere.

Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo

Viterbo, 4 maggio 2018

Mittente: “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com (segnaliamo che il Centro cura dal 2000 la pubblicazione del notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino” cui e’ possibile abbonarsi gratuitamente attraverso il sito www.peacelink.it)

Allegato primo. Franco Fortini: Marxismo
[Da Franco Fortini, Non solo oggi, Editori Riuniti, Roma 1991, pp. 145-149. Era primieramente apparso sul “Corriere della sera” del 29 marzo 1983]

Quelli che hanno la mia eta’ Marx l’hanno letto alla luce delle nostre guerre. Hanno sempre sentito chiamare marxista chi le potenze delle armi, del profitto o del potere avevano voluto ridurre al silenzio. “E tu come li chiami i popoli oppressi o uccisi in nome di Marx?”, mi si chiedera’ ora; forse supponendo che non abbia trovato il tempo, finora, di chiedermelo. Rispondo che sono dalla mia parte. Li conto insieme a quelli che dal Diciassette, quando sono nato, sono nemici dei miei nemici, a Madrid come a Shanghai, a Leningrado come a Roma, a Hanoi, a Santiago, a Beirut… I cacciatori di “bestie marxiste” (cosi’ si esprimono) devono sempre aver avuto difficolta’ ad apprezzare le differenze teoriche fra marxiano, marxista, socialista, comunista, bolscevico e cosi’ via.
Mi spieghero’ meglio, per loro beneficio. C’e’ una foto russa, del tempo della guerra civile: un plotone di morti di fame, in panni ridicoli, cappellucci alla Charlot in testa, scarpe slabbrate; e a spall’arm i fucili dello zar. Questo e’ marxismo. C’e’ un’altra foto, Varsavia 1956, un giovane magro, impermeabile addosso, sta dicendo nel microfono, a una sterminata folla operaia che il giorno dopo l’Armata rossa, come a Budapest, puo’ volerli morti o deportati. Anche questo e’ marxismo. Con chi queste cose dice di non capirle, di marxismo e’ meglio non parlare neanche.
Un certo numero di italiani miei coetanei sparve anzitempo dalla faccia della terra, combattendo borghesi e fascisti. Grazie a loro se le forze dell’ordine volessero perquisirmi, potrei mostrare che sul miei scaffali invecchiano le opere di Marx, di Lenin e di Mao, senza temere, ancora, di venire trascinato alla tortura e alla fossa com’e’ accaduto e ogni giorno accade a poche ore di aereo da casa nostra. Dieci o quindici anni fa poco e’ mancato che la civica arena o il catino di San Siro non accogliessero, come lo stadio di Santiago del Cile, le “bestie marxiste”. So chi mi avrebbe aiutato, in quel caso: non sarebbero stati davvero quelli che mi conoscono perche’ hanno letto i miei libri. E ora approfitto di queste righe per salutare Alaide Foppa, mia collega di letteratura italiana a Citta’ di Messico. La conobbi anni fa. In questi giorni ho saputo chi l’ha ammazzata, in Guatemala. Anche questo e’ marxismo.
Cominciai nel 1940 col Manifesto, per consiglio di Giacomo Noventa e Giampiero Carocci; senza alcun entusiasmo. Capii poi qualcosa da Trockij e Sorel. Durante la guerra vissi in fanteria un buon corso di marxismo pratico. A Zurigo, nell’inverno 1943-44, non so quanti libri lessi, riassunsi e annotai, che parlavano di socialismo e di materialismo storico. Si faceva fuoco di ogni frasca, allora. Un opuscolo in francese, ricordo, mi fu molto utile; l’aveva scritto un tale che firmava con lo pseudonimo, seppi poi, di Saragat. L’apprendistato comprendeva testi anche troppo disparati: Malraux e Rosselli, Victor Serge e Silone, Mondolfo e Eluard…
A guerra finita vennero letture meno selvagge: le opere storiche (Le lotte di classe in Francia, Il diciotto brumaio, La guerra civile in Francia), parte della Sacra famiglia, i primi capitoli, splendidi di genio e forza sintetica, della Ideologia tedesca, i due volumi del primo libro del Capitale, e a partire dal 1949 quei Manoscitti economico-filosofici del 1844 oggi tanto derisi e che mai hanno cessato di stupirmi per la loro capacita’ di guidarci da Hegel fino ai giorni che ancora ci aspettano; e di dirci parole di incredibile attualita’. E altro ancora.
Dopo vent’anni di diatribe storico-filologiche sul primo e il secondo Marx; dopo Lukacs e Sartre, Bloch e Sohn-Rethel, Adorno e Althusser, Mao e gli amici torinesi di “Quaderni rossi”, a quelle pagine non ho piu’ sentito il bisogno di tornare se non nei termini di cui parla Brecht in una poesia intitolata, appunto, “Il pensiero nelle opere dei classici”:

Non si cura
che tu gia’ lo conosca; gli basta
che tu l’abbia dimenticato…
senza l’insegnamento
di chi ieri ancora non sapeva
perderebbe presto la sua forza rapido decadendo.

Non stiamo commemorando la nostra giovinezza. Anche se fondamentale, quel pensiero non e’ se non un passaggio dell’ininterrotto processo che porta da luce a oscurita’ poi ad altra luce, e dal credere di sapere al sapere di credere. Se ne compone (come quella di chiunque) la nostra esistenza. O per la gioia dei piu’ sciocchi dovremmo ripetere qual che ci sembra di aver detto sempre e cioe’ di non aver creduto mai che il pensiero di Marx potesse fungere da chiave interpretativa del mondo piu’ o meglio di quanto lo faccia, ad esempio, la poesia dell’Alighieri? Una educazione alla storia ci faceva almeno intravvedere quel che era stato detto e fatto ben prima e sarebbe stato detto e patito molto dopo di noi.
Quando, per l’Italia, almeno dal 1900, data del libro di Croce, ci viene ogni qualche anno ripetuto che quella di Marx e’ filosofia superata, non ho difficolta’ ad ammetterlo; sebbene subito dopo domandi che cosa significa superare la filosofia di Platone o di Kant. Quando ci viene spiegato che la teoria marxiana del valore o quella sulla caduta tendenziale del saggio di profitto sono manifestamente errate, non ho difficolta’ ad ammetterlo; anche perche’ mai l’ho impiegata per capire come vadano le cose di questo mondo. Quando mi si dimostra che l’idea, certo marxiana, di un passaggio dalla preistoria umana alla storia mediante la fine della proprieta’ privata, dello Stato e del lavoro alienato, si fonda su di una antropologia fallace e senz’altro smentita dai “socialismi reali”, apertamente lo riconosco; anche perche’ ho sempre attribuita la figura d’un progresso illimitato all’errore che afferma la indefinita perfettibilita’ dell’uomo, un errore illuministico-borghese che Marx ebbe a ereditare.
Ma quando mi si dice che la teoria delle ideologie e’ falsa, che la lotta delle classi e’ una favola e che il socialismo e’ una utopia senza neanche l’utilita’ pragmatica delle utopie, chiedo allora un supplemento di istruttoria. Primo, perche’ il pensiero epistemologico contemporaneo, dalla critica psicanalitica del soggetto fino alla semiologia, conferma la fine d’ogni immediata coerenza fra parola, coscienza e realta’, come fra mondo e concezioni del mondo; secondo, perche’ a tutt’oggi e’ difficile negare – e lo si sapeva ben prima di Marx – l’esistenza di ininterrotti conflitti di interessi fra gruppi umani per il possesso dei mezzi di produzione e la ripartizione del prodotto sociale; conflitti determinati dai modi del produrre e determinanti l’assetto, o lo sconvolgimento, dell’intera societa’. Per quanto e’ del terzo ed ultimo punto, convengo volentieri che esso rinvia ad una persuasione indimostrabile.
La volonta’ di eguaglianza e giustizia pertiene alla politica solo grazie alla mediazione dell’etica e della religione. Marx non ne ha data nessuna ragione migliore. Indipendentemente da ogni mito perfezionista, credo si debba continuare a volere (un volere che implica lotta) una sempre piu’ sapiente gestione delle conoscenze e delle esistenze. Il “sogno di una cosa” e’ la realizzata capacita’ dei singoli e delle collettivita’ di operare sul rapporto fra necessita’ e liberta’, fra destino e scelta, fra tempo e attimo.
Il movimento socialista e comunista si e’ fondato per cent’anni su quel che si chiamava l’insegnamento di Marx. Ne era parte maggiore l’idea che il passaggio al comunismo dovesse essere conseguenza dello sviluppo delle forze produttive, della industrializzazione e della crescita della classe operaia; e compiersi con una pianificazione centralizzata. In questi nodi di verita’ e di errore si e’ legato il “socialismo reale”. Oggi gli esiti del passato ci impediscono di guardare al futuro. Sono esiti tragici non solo per cadute politiche, economiche o culturali ne’ solo per costi umani; ma perche’, anche al di fuori dei paesi comunisti, il “marxismo reale” ha accettato il quadro mentale del suo antagonista: primato della tecnologia, etica della efficienza, sfruttamento dei piu’ deboli. Sembrano falliti tutti i tentativi per uscire da questa logica: massimo quello cinese. Eppure, Bloch dice, non e’ stata data nessuna prova che quella uscita sia impossibile. L’eredita’ marxiana e’ divisa: una meta’ e’ ancora nostra, l’altra e’ dei nemici del socialismo e comunismo, sotto ogni bandiera, anche rossa.
Quanto alla mente geniale morta cent’anni fa, e’ anche grazie ad essa che e’ stato ridimensionato il ruolo delle grandi personalita’ e dei loro sepolcri. Pero’ ho visitato con commozione a Parigi il Muro dei Federati, a Nanchino la Terrazza della Pioggia di Fiori o dei Centomila Fucilati; mi fosse possibile, andrei a onorare i morti dei Gulag: sono tutti di una medesima parte, tuttavia parte; non ipocrita bacio tra vittime e carnefici. Marx ci ha infatti insegnato a capire una volta per sempre quale opera implacabile gli ignoti, gli infiniti vinti vincitori, compiano entro le societa’ che preferirebbero ignorarli ed entro di noi; quali cunicoli scavino, quali fornelli di mina preparino anche in coloro che li odiano per aver voluto qualcosa che interi popoli oppressi continuano, morti e vivi, a volere. Tutta la storia umana, ci dice, deve essere ancora adempiuta, interpretata, “salvata”. E o lo sara’ o non ci sara’ piu’ – sappiamo che e’ possibile – nessuna storia. O ti interpreti, ti oltrepassi, ti “salvi” o non sarai esistito mai.
L’amico di Federico Engels non e’ stato davvero il primo a dircelo. L’ultimo si’. E meglio ancora ogni giorno lo dice, oscuro a se stesso, “il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente” (Ideologia tedesca, 1845-46, I, a). Anche questo e’ marxismo.

Allegato secondo. Franco Fortini: Comunismo
[Da Franco Fortini, Extrema ratio, Garzanti, Milano 1990, pp. 99-101; era stato pubblicato per la prima volta nell’inserto settimanale satirico “Cuore” del quotidiano “L’Unita’” del 16 gennaio 1989. Dopo la pubblicazione in Extrema ratio, questo testo e’ stato ristampato anche nell’opuscolo Una voce: comunismo, Edizioni del Centro di ricerca per la pace, Viterbo 1990; in Non solo oggi, Editori Riuniti, Roma 1991; in Saggi ed epigrammi, Mondadori, Milano 2003]

“Termine con cui si designano dottrine che propugnano e descrivono una societa’ basata su forme comunitarie di produzione ovvero di produzione e consumo, in alternativa a societa’ basate su forme di proprieta’ privata ovvero di distribuzione e di consumo diseguali. Possesso comune della terra e dei mezzi di produzione, lavoro per tutti, regolazione pianificatrice dei bisogni e delle funzioni (…) parte integrante di tali dottrine e’ l’educazione comune, pubblica, di tutti gli individui” (Enciclopedia Garzanti).

Il combattimento per il comunismo e’ gia’ il comunismo. E’ la possibilita’ (quindi scelta e rischio, in nome di valori non dimostrabili) che il maggior numero di esseri umani – e, in prospettiva, la loro totalita’ – pervenga a vivere in una contraddizione diversa da quella oggi dominante. Unico progresso, ma reale, e’ e sara’ il raggiungimento di un luogo piu’ alto, visibile e veggente, dove sia possibile promuovere i poteri e la qualita’ di ogni singola esistenza. Riconoscere e promuovere la lotta delle classi e’ condizione perche’ ogni singola vittoria tenda ad estinguere la forma presente di quello scontro e apra altro fronte, di altra lotta, rifiutando ogni favola di progresso lineare e senza conflitti.

Meno consapevole di se’ quanto piu’ lacerante e reale, il conflitto e’ fra classi di individui dotati di diseguali gradi e facolta’ di gestione della propria vita. Oppressori e sfruttatori (in Occidente, quasi tutti; differenziati solo dal grado di potere che ne deriviamo) con la non-liberta’ di altri uomini si pagano l’illusione di poter scegliere e regolare la propria individuale esistenza. Quel che sta oltre la frontiera di tale loro “liberta’” non lo vivono essi come positivo confine della condizione umana, come limite da riconoscere e usare, ma come un nero Nulla divoratore. Per dimenticarlo o per rimuoverlo gli sacrificano quote sempre maggiori di liberta’, cioe’ di vita, altrui; e, indirettamente, di quella propria. Oppressi e sfruttati (e tutti, in qualche misura, lo siamo; differenziati solo dal grado di impotenza che ne deriviamo) vivono inguaribilita’ e miseria di una vita incontrollabile, dissolta ora nella precarieta’ e nella paura della morte ora nella insensatezza e non-liberta’ della produzione e dei consumi. Ne’ gli oppressi e sfruttati sono migliori, fintanto che ingannano se stessi con la speranza di trasformarsi, a loro volta, in oppressori e sfruttatori di altri uomini. Migliori cominciano ad esserlo invece da quando assumono la via della lotta per il comunismo; che comporta durezza e odio per tutto quel che, dentro e fuori degli individui, si oppone alla gestione sovraindividuale delle esistenze; ma anche flessibilita’ e amore per tutto quel che la promuove e la fa fiorire.

Il comunismo in cammino (un altro non esiste) e’ dunque un percorso che passa anche attraverso errori e violenze, tanto piu’ avvertiti come intollerabili quanto piu’ chiara si faccia la consapevolezza di che cosa gli altri siano, di che cosa noi si sia e di quanta parte di noi costituisca anche gli altri; e viceversa. Il comunismo in cammino comporta che uomini siano usati come mezzi per un fine che nulla garantisce invece che, come oggi avviene, per un fine che non e’ mai la loro vita. Usati, ma sempre meno, come mezzi per un fine, un fine che sempre piu’ dovra’ coincidere con loro stessi. Ma chi dalla lotta sia costretto ad usare altri uomini come mezzi (e anche chi accetti volontariamente di venir usato cosi’) mai potra’ concedersi buona coscienza o scarico di responsabilita’ sulle spalle della necessita’ o della storia.

Chi quella lotta accetta si fa dunque, e nel medesimo tempo, amico e nemico degli uomini. Non solo amico di quelli in cui si riconosce e ai quali, come a se stesso, indirizza la propria azione; e non solo nemico di quanti riconosce, di quel fine, nemici. Ma anche nemico, sebbene in altro modo e misura, anche dei propri fratelli e compagni e di se stesso; perche’ non dara’ requie ne’ a se’ medesimo ne’ a loro, per strappare essi e se stesso agli inganni della dimenticanza, delle apparenze e del sempreuguale.
Dovra’ evitare l’errore di credere in un perfezionamento illimitato; ossia che l’uomo possa uscire dai propri limiti biologici e temporali. Questo errore, con le piu’ varie manipolazioni, ha gia’ prodotto, e puo’ produrre, dei sottouomini o dei sovrauomini; egualmente negatori degli uomini in cui ci riconosciamo. Ereditato dall’Illuminismo e dallo scientismo, depositato dalla cultura faustiana della borghesia vittoriosa dell’Ottocento, quell’errore ottimistico fu presente anche in Marx e in Lenin e oggi trionfa nella maschera tecnocratica del capitale. Quando si parla di un al di la’ dell’uomo, e’ dunque necessario intendere un al di la’ dell’uomo presente, non un al di la’ della specie. Comunismo e’ rifiutare anche ogni sorta di mutanti per preservare la capacita’ di riconoscersi nei passati e nei venturi.

Il comunismo in cammino adempie l’unita’ tendenziale tanto di eguaglianza, fraternita’ e condivisione quanto quella di sapere scientifico e di sapienza etico-religiosa. La gestione individuale, di gruppo e internazionale, dell’esistenza (con i suoi insuperabili nessi di liberta’ e necessita’, di certezza e rischio) implica la conoscenza delle frontiere della specie umana e quindi della sua infermita’ radicale (anche nel senso leopardiano). Quella umana e’ una specie che si definisce dalla capacita’ (o dalla speranza) di conoscere e dirigere se stessa e di avere pieta’ di se’. In essa, identificarsi con le miriadi scomparse e con quelle non ancora nate e’ un atto di rivolgimento amoroso verso i vicini e i prossimi; ed e’ allegoria e figura di coloro che saranno.

Il comunismo e’ il processo materiale che vuol rendere sensibile e intellettuale la materialita’ delle cose dette spirituali. Fino al punto di sapere leggere nel libro del nostro medesimo corpo tutto quel che gli uomini fecero e furono sotto la sovranita’ del tempo; e interpretarvi le tracce del passaggio della specie umana sopra una terra che non lascera’ traccia.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.