Italtel, il 17 aprile sciopero per tre ore a inizio turno contro i “reparti confino”

Presidio a Settimo Milanese

Il 17 aprile le lavoratrici e i lavoratori di Italtel sciopereranno per tre ore a inizio turno e saranno in presidio davanti alla sede di Settimo Milanese per protestare contro il cambiamento di clima che si sta determinando anche a seguito del fatto che Exprivia, società Ict di Molfetta, detiene oggi la maggior parte delle azioni di Italtel.

Nei giorni scorsi Fim Fiom e Uilm nazionali avevano lamentato che nei colloqui fatti a un certo numero di addetti per convincerli ad accettare l’incentivo all’esodo, si fossero commesse violazioni dello Statuto dei Lavoratori attraverso domande improprie e totalmente indiscrete sulla vita privata dei lavoratori.

Ieri si è svolto presso l’Assolombarda un incontro fissato proprio per chiarire questo aspetto e per verificare l’accordo sottoscritto alla fine dell’anno scorso per gestire i lavoratori in esubero per l’anno 2018.

Alla fine di giugno probabilmente saremo di fronte a una quarantina di eccedenze che, a sorpresa, l’azienda vorrebbe inserire in un reparto creato ad hoc, una sorta di limbo che servirebbe, a detta dell’azienda, per fare formazione ed essere ricollocati.

“Peccato che mai in passato si è creata una divisione, che è stata subito ribattezzata “reparto confino” che avesse scopi come questi”, si legge in una nota della Fiom di Milano.

“E’ chiaro che si vuole creare una struttura per separare i lavoratori, con l’evidente rischio che l’isolamento produca eventuali vessazioni, come già accaduto nei colloqui. Tra l’altro molte delle risorse che entrerebbero nella nuova divisione sono state appena formate per essere riqualificate, hanno ottenuto certificazioni importanti ma non sono mai state ricollocate”, continua la Fiom.

Italtel nel frattempo sta facendo decine di assunzioni di giovani lavoratori neolaureati. Perché, quindi, non fare lo sforzo di ricollocare veramente gli altri lavoratori?

Italtel è una storica azienda di telecomunicazioni che aveva prodotti di punta e lavoratori ultraqualificati. In che direzione sta andando? Si chiede la Fiom. E come intende gestire le relazioni industriali e le risorse umane? Fim e Fiom di Milano ritengono che la strada intrapresa non sia quella giusta, per questo lotteranno con i lavoratori contro una dequalificazione delle competenze e per diverse relazioni aziendali.

 

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.